Siamo arrivati fin qui.

Ho la scrivania affollata di libri che reputo noiosissimi. Devo scrivere un qualcosa che non porterà i suoi frutti, che è solo una parentesi aperta e che tra poco dovrà chiudersi.  Tutto questo mi appiattisce, nello spirito e anche nella forma: ho dei capelli che fanno schifo oggi. Fuori è novembre, quello vero. Quello che ti spinge a mettere il piumone invernale nel letto. E che ti costringe a passare in casa intere giornate con la compagnia dei tuoi figli iperattivi.

Tutto questo grigiume, tutta questa insoddisfazione incide sul fatto che è passato del tempo dall’ultimo post. E dal fatto che sto facendo cose che non mi piacciono. E quando è così la mia presenza social ne risente. Fortemente. Penso infatti di avere una presenza online inversamente proporzionale al colore del mio umore. E qui siamo ai minimi storici. Sono grigia, non ho voglia di comunicare, poca voglia di condividere, preferisco leggere quello che gli altri e le altre fanno.

In tutto questo grigiume, Lorenzo e Leonardo si sono inseriti bene a scuola. Chi dice che per i gemelli è più facile perchè “tanto sono insieme”, da parte mia posso dirvi che non è così. I primi dieci giorni di Lorenzo non sono stati facili, poi improvvisamente e inaspettatamente ha spiccato il volo come suo fratello. Sono dispettosi con gli altri bambini, conoscono a memoria i contrassegni di tutti. Sono fidanzati con 5 o 6 bambine ciascuno, più un paio di maschi. Il concetto di fidanzata in due tre-enni è davvero grandioso. Ci facciamo delle grosse risate.

La sera riusciamo a farci raccontare qualcosa della giornata scolastica. Piccoli stralci di giornate colorate, raccontati durante la cena. Abbiamo deciso di spegnere la tv. Lo consiglio a tutti, la cena diventa davvero  un momento dedicato alla “famiglia”. Ceniamo presto, perché la sera prima andiamo a nanna meglio è. Abituati alle due ore e mezzo abbondanti di sonno, con la scuola e i nuovi orari del riposino arrivano veramente cotti e un po’ isterici.

L’ora della nanna anticipata ci sta regalando nuove serate dedicate a me e al Mari – che lo ammetto – con Lorenzo e Leonardo è davvero bravo, molto più paziente di me, molto meno rigido di me. Forse li vizia un po’ troppo, ma è capace di inventare storie, magie, avventure e portarli da solo in luoghi in cui io non mi avventurerei mai. Loro aspettano a gloria la domenica per passare tutto il giorno con lui, ma in realtà certe cose può farle solo la mamma: il coccolo prima della nanna, in primis, a volte lavarli e sistemarli per la nanna.

Arriviamo alla sera stanchi, il lavoro, i bambini, la casa e i mille imprevisti. Un treno in ritardo e ci troviamo di rincorsa a raddrizzare una serata in salita. Li vedo improvvisamente grandi e ancora immensamente piccoli. Ho tante incertezze sul futuro che vorrei non toccassero mai loro due, vorrei davvero preservarli da tutto, ma mi rendo conto che questo non sarà mai possibile.

Ebbene, in tutta questa assenza, siamo arrivati fino a qui. Ora sorrido e riparto, eh!

Buon fine settimana, a me tocca la trasferta andata e ritorno dai suoceri… peggio di così! 😉

Annunci

7 pensieri riguardo “Siamo arrivati fin qui.

  1. Forse ho scoperto come commentarti…wow!!!
    Anche io lavorativamente parlando sono una chiavica…e questo un po’ influisce sul mio umore e sullo stare con gli altri…..spero in tempi migliori e invio cv….
    Noi ceniamo sempre con la tv spenta e ascoltiamo i mirabolanti racconti delle loro giornate…anche noi abbiamo papone con mille risorse….ed una mamma che c’è sempre…di notte e di giorno…
    ti sono vicina, vedrai tutto migliorerà…sappi che io sono sulla tua stessa barca!

  2. Ciao mamma dei gioielli e piacere!
    Che bello il tuo modo di scrivere, mi piace parecchio! Ti seguo molto volentieri, anche nelle trasferte dai suoceri (sono di ritorno anche io!)

    Se hai piacere questo è il mio umile spazio: http://www.lamammadiprince.blogspot.it

    Sono una quasi mamma, come mi definisco io, che a dicembre sarà madre al 98% perchè il resto dovrà raggiungerlo col tempo, l’esperienza e gli anni. Per questo ho aperto un blog dove potermi confrontare, conoscere nuove mamme, nuove esperienze e condividere la passione per la scrittura e la lettura che alle volte cancella la mia tristezza nei problemi di ordinaria vita quotidiana.

    Un saluto a presto spero! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...