Cigni e brutti anatroccoli

A me le cesse fanno simpatia, quelle ragazzette che nel gruppo di amici sono quelle più bruttine, sì a me fanno proprio simpatia. Soprattutto quando sono nell’età dell’adolescenza, sono rotondette, quando le loro amiche improvvisamente diventano dei cigni e loro invece no, restano dei brutti anatroccoli. E forse cigni non lo diventeranno mai.

Io prenderei e le abbraccerei tutte. Una ad una.

Perché è proprio a quella età – ma forse ora anche prima – che i compagni di classe o il gruppo di amici ti prendono in giro. Perché un tuo difetto fisico diventa l’unica cosa che viene notata di te, da te stessa prima di tutti e di conseguenza anche dagli altri.

E non importa che tu abbia un bel viso, una bella personalità o che tu sia più intelligente e spigliata di tanti, tutto questo passa in secondo piano perché hai quelculocosìgrosso, queibollicinischifosi, queicapellicrespi, quegliocchistorti, o qualsiasicosanonrientrinell’ideadiperfezione al punto che qualcuno oltre a fartelo notare decide che forse – viva la ridondanza, sia mai che tu non lo avessi capito – sia giusto scriverlo su qualche muro.

Non correre a cancellare quella scritta, tanto te la ricorderai per tutta la vita. E non fare finta di non averla letta, non far finta che quello che dicono di te non ti faccia male. Tra dieci anni te lo ricorderai e ci sorriderai. Vedrai che qualcuno nel frattempo è diventato un brutto anatroccolo e altri, forse, ti avranno anche chiesto scusa.

Oggi ho la vena malinconica. 😉

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...