Responsabilità, la parola di oggi

Lo devo ammettere. La doccia della sera per me è una droga. E’ il momento che sancisce ufficiosamente la fine della giornata, il momento in cui il bagno diventa una sauna, per tutto il tempo che passo chiusa nel box doccia e per la temperatura tropicale dell’acqua, il momento in cui i miei pensieri passano da “ma avrò fatto bene a comprare quel vestito per il matrimonio di mia sorella…?” al “ma se dovessi morire in questo istante, cosa succederà ai miei figli”.

Vabbè, sono una pippa mentale vivente. Ma è un periodo di controlli e visite mediche che qualche interrogativo lo fanno spuntare soprattutto quando hai una testolina bacata e rimunante come la mia. E poi la maternità diciamo che amplificata tutto questo, perché ti carica di gioia, certo!, di fatica, ancora più certo!, ma soprattutto inizia a capire il senso della parola RESPONSABILITA’.

Che prima esperivi comunque, in contesti diversi però: dal lavoro, alle relazioni sociali, di amicizia, coniugali o di coppia, di convivenza civile. Ma la responsabilità che ti mette davanti un figlio, è un qualcosa a cui non puoi dire di no, non puoi rimandare a domani o a quando avrai tempo. No. Questo non esiste, nel mio modo di vedere, of course.

E’ il qui ed ora, è il sempre e comunque, è la responsabilità non solo di avere un figlio che dipende da te, quotidianamente, e quando sono piccoli e piccolissimi per qualsiasi cosa, ma è la responsabilità di crescerlo e di aiutarlo ad essere non dico felice, quanto meno sereno. Serenità è una parola che adoro, per questo tra Martina e Serena, scelsi il secondo come nome per mia sorella. Chissà.

Ed essere responsabili è faticoso, non esserlo è una scorciatoia, lasciare ad altri il compito, mi verrebbe da dire, vigliaccheria. Essere responsabili è anche fonte di serenità reciproca, è dormire sonni profondi e tranquilli (fino a che un figlio non si sveglia nel cuore della notte ;-))

Scusate: ma la fase dei terrible two va a periodi o “dovrebbe” essere costante per un certo periodo di tempo e poi svanire nel nulla? 😉

Annunci

4 pensieri riguardo “Responsabilità, la parola di oggi

  1. riflettere fa sempre bene. La doccia per mè è un must dopo l’acquagym in piscina naturalmente…dopo 4 anni finalmente ho deciso di iscrivermi in palestra e cercare di recuperare un pò la forma….. per “tranquillizzarti” ti dico che è un periodo che i miei sono super vivaci …non riusciamo a tenerli….insomma si va a periodi…comunque il gemello ha problemi di allergia e quindi bè lui è un pò giustificato per il carattere ..sentirsi prudere tutto il giorno non deve essere piacevole.

    1. Eh anche noi a settembre ne facciamo tre, ma passiamo dei giorni benedetti e altri in cui proprio non ci si ragiona ed è tutto un NO da mattina a sera! Le visite per ora procedono bene, ora devo fare un altro giro e poi vediamo. Grazie!

  2. Sai anche io riffletto tanto su questo, sopratutto ora che la mia vita è completamente cambiata da quando mia mamma non c’è più… Mi rendo conto che lei era la mia guida,la mia ancora e non esistevano problemi invalicabili con lei al mio fianco… Adesso conto su di me, su mio figlio, su chi mi è accanto con costanza e senza chidermi niente mi sopporta con amore nel suo silenzio, ma la vita è questo, questo è mondo dei grandi al quale dobbiamo abituarci…
    Un abbaraccio forte, con la consapevolezza che riusciremo a far fronte a tutte le difficoltà con amore e pazienza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...