Aiutiamo Letizia!

Buon lunedì, iniziamo questa settimana provando a dare qualche consiglio o raccontando le nostre tecniche di sopravvivenza a Letizia, anche lei mamma di due gemelli? Pubblico qui di seguito il suo commento al mio post precedente.
Vi aspetto numerose, illuminate e illuminanti!

Carissime stavo cercando consigli su come organizzare la vita con 2 gemelli di 13 mesi e vi ho incontrate! Che gioia. Sono tanto stanca e tanto felice anch’io. Vi posso chiedere un aiuto? Voi come avete organizzato la giornata dei nanetti a un anno? Mi spiego: adesso torno a lavorare part time di mattina e viene una baby. Purtroppo non abbiamo nonne.I bambini andranno all’asilo questo settembre.

I bambini stanno cambiando tanto e stanno diventando grandi (a me pareva impossibile!). Purtroppo fanno fatica a dormire la notte… MI date un consiglio da bimamme?

Ps. Al momento i bambini stanno tante ore con me, anche se li lascio volentieri da soli a giocare (Marta gattona e si attacca ovunque e Andrea rotola.. spesso giocano si guardano si toccano e ridono insieme!!)

Annunci

11 pensieri riguardo “Aiutiamo Letizia!

  1. durante i mesi invernali qualche volta sono stata in ludoteca con i bimbi. Era un modo diverso per passare mezza giornata. Per il dormire io sono una di quelle mamme senza cuore che ha provato con il metodo “fate la nanna”. è stata questione di sopravvivenza. Ero da sola a casa con loro tutto il giorno. Davide dormiva di notte e stava sveglio di giorno, Diego di notte a 9 mesi si svegliava ancora ogni 20 minuti. C’è stata una notte di inferno, con un pianto durato 3 ore (suo e mio), ma dalla notte dopo ha dormito tutta la notte (a parte tossi, raffreddori, e malattie varie). Con 2 bambini non potevo seguire i ritmi sonno veglia dettati da loro (quale dei due avrei seguito??) e ho dovuto imporre il tanto criticato metodo. Dopo però siamo rinati tutti, io più serena = loro più sereni. In bocca al lupo!

    1. ciao!!!
      anche io ho usato il ‘metodo’ Fate la nanna…che dire….funziona….e non credo sia così crudele…lo diventa se dopo averlo fatto piangere per un pò lo/li si prende in braccio…e allora sì che non è giusto!!!….bisogna tenere duro per quei poche giorni….certo è che bisogna essere decisi entrambi ( i genitori) a seguire questo metodo….altrimenti anche lì gli sforzi sono vani!!!!

      1. Perfettamente daccordo, anch’io ho usato quel metodo ed ho avuto successo! Con Alessia è stata una passeggiata fin da subito, invece federico mi ha dato un po di problemi, più che altro i pisolini di giorno, ho tenuto duro, mi sono scontrata aspramente anche con mia madre, un paio di volte ha vomitato dal piangere, ma alla fine cel’ho fatta! Non è durato molto questo calvario, forse un paio di settimane? non ricordo. Non so se sia x quel libro o sia fortuna i miei figli ora hanno quasi 6 anni e da sempre (avevano 4 mesi quando ho iniziato ad applicare il metodo) di notte dormono serenamente tutta la notte, al max si sveglia lui solo per una pipì, a parte chiaro quando non stanno bene! Sono davvero contenta di aver seguito “fate la nanna” sento certe situazioni davvero da brivido, con figli nel lettone fino a tarda età, genitori che si trasferiscono sul divano, ecc

  2. i lunghi mesi invernali in casa con due bimbi sono probabilmente il periodo più stressante cge abbia passato anche io, soprattutto perchè qualsiasi gioco che abbia proposto può averli tenuti occupati massimo per una mezzora e quindi era un continuo inventare qualcosa di nuovo. Poi loro sono cresciuti e anche se la fatica è sempre tanta, si riesce a fare passare le giornate in maniera più veloce. Purtroppo il territorio dove abitiamo noi non offre moltissimo a livello di ludoteche e attività per i bambini, quindi aspettiamo a gloria la bella stagione per potere uscire e stare all’aria aperta…

  3. A 13 mesi è ancora presto per sperare che i giochi li tengano impegnati per molto tempo. Io avevo un tappeto grande in soggiorno con i loro giochini e loro si divertivano (e ancora oggi) a sgambettare (ora correre) per tutta la casa. A quell’età hanno tutto da scoprire. I tempi morti li riempio leggendo con loro o cantando (soprattutto le canzoncine dell’asilo). Hai provato anche coi travasi di farina o acqua? E’ un gioco che fanno al nido e a loro è piaciuto tanto.
    Va bene anche qualche cartone alla televisione: ce ne sono per tutte le età. Senza esagerare e spiegando ai bimbi quello che trasmettono aiuta a passare il tempo. Con le belle giornate passeggiate e giardini. Ah, d’estate li infilo – anche senza fargli il bagnetto vero e proprio – nella vasca da bagno con un pò d’acqua, delle barchette colorate e loro si divertono da matti.
    Quanto all’addormentamento sono stata fortunata, a 3 mesi dalla carrozzina sono stati messi nei loro lettini e da allora dormono sempre lì salvo rare eccezioni. Comunque ho utilizzato sempre un rituale per metterli a letto: lavarsi i denti, pigiamino, sacco nanna, oggetto transizionale e (ma solo da un annetto a questa parte) 2-3 storie raccontate da mamma o papà. Dopo si lascia una lucetta accesa e si addormentano (a volte protestano ma non bisogna cedere). Ah, i miei ora hanno 2 anni e 9 mesi. Con due insieme è dura ma ce la possiamo fare!

    1. Sì, anche per noi il rituale della nanna è sacrosanto, anche se ogni tanto viene rivisitato. Ultimamente passiamo dal divano, al lettone di mamma, leggiamo un libro e poi a nanna. Prima naturalmente la toilette quotidiana che penso sia un’abitudine buona sin da piccolissimi.

      1. Sono daccordo, il rituale nanna è importantissimo, gli da sicurezza. Noi dalla sala passiamo al piano superiore con lavaggio denti, faccia, mani, bidet, poi in cameretta con due cartoni, si spegne la tele, tre ninne nanne cantate con tanto di carezze, e buonanotte, che siano ancora svegli o no me ne esco dalla cameretta, lucetta accesa e non li sento più fino a mattina, che bellezza! Sono dei tesori … le ninna nanne le ho inserote quando gli ho levato il ciuccio, verso i 2 anni e mezzo, forse x compensare il loro adorato ciuccio senza il quale non dormivano, e poi c’è fin dai 4 mesi il loro adorato “Bubi” classico pupazzino da cui ancor non si separano a quasi 6 anni

  4. Finchè ero a casa era “facile”, perchè ero serena e vievo come in una specie di idillio, come sono tornata al lavoro con i problemi di ufficio, le babe, le stronze, la stanchezza, le corse, le paranoie, i pianti..etc… è diventato più difficile. Il nido e l’asilo li ha aiutati molto ad essere indipendenti, forti, maturi (parola grossa), a me hanno sempre scocciato i suoceri che hanno fatto dell’invadenza la loro più grande qualità.
    Anch’io avevo un grosso tappeto in salotto, ho spostato tutti i mobili alle pareti e loro giocavano con i loro giochini o scorrazzavano per la casa gattonando o rotolando o cercando di camminare. Cantavamo e leggevamo molto, ho scoperto babytv che per una mezz’oretta alla volta li ha coinvolti e incuriositi.
    Abbiamo sempre avuto una routine molto serrata sin da neonati e ho sempre fatto fare le stesse cose atutti nello stesso momento cioè pappa tutti insieme, nanna tutti alla stessa ora, gioco e nessuno sgarro e prima di andare a letto sempre dentini, culetto, pigiamino, biberon di camomilla e nanna e abbiamo sempre dormito tutti (eccezione fatta quando sono malati). Non ho usato nessun metodo di nessun libro seppure ho letto alcuni dei libri per fare la nanna…. adesso a 3 anni abbiamo problemi di migrazione da un letto all’altro…ho dato la colpa al cambiamento di casa, ma sono abbastanza serena e lascio che le cose vadano da sole….forse sono pazza! 😀 Auguri

    1. Come ti capisco giorgia quando parli dell’invadenza dei suoceri. I miei altrettanto, pensa che da quando sono nati e per un anno tutto mi si piazzavano in casa ogni domenica dalle 8 del mattino alle 7 di sera, invadendo e pensando di farmi un piacere. Com.que anch’io ho una sala abbastanza ampia, per cui li facevo giocare così come giorgia su un mega tappetone, che ancora non ho mollato, perchè i giochi sono diversi ma il tappeto è sempre comodo, con i lego, con un atavolino x disegnare, per tutto insomma!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...